Memorial calcistico - Associazione Riccardo Traverso

Associazione ONLUS

"Riccardo Traverso"
Vai ai contenuti

Memorial calcistico

Foto eventi
2016
2015
2014
2013

Nelle fotografie che ricordano la premiazione ed il buffet di chiusura del III° memorial calcistico, potete notare che tutti gli amici ed i familiari di Riccardo, appongono la propria firma accompagnata o da un disegno o da una breve frase, sulla bandiera di Genova, la città di Riccardo e da lui tanto amata.

L'idea nasce dall'ispirazione dell'artista ed amico Enzo Rotondo, che presto terminerà con il suo intervento pittorico l'opera tonda. Con molta probabilità l'assemblea deciderà di farla diventare il logo dell'associazione.

Nelle parole dell'artista-amico Enzo il significato profondo dell'opera: “La firma è il segno volontario tracciato nero su bianco che esprime la presenza di una persona. Ne porta con sé la storia, il carattere, l'essenza. L'ultima firma di una persona non è mai identica alla precedente, è un'istantanea che rappresenta in modo unico il suo vissuto in un dato momento.

Quando esce dall'uso che ne facciamo tutti i giorni come nostra rappresentazione sociale, per restare impressa sul mio quadro rotondo, lascia il segno di un passaggio nel cammino di una vita, all'interno di un cerchio, simbolo per eccellenza di eternità non avendo né principio né fine.”

Grazie Enzo

2012
2011

Ricordiamo tutti il suo sguardo intenso che si scioglieva in un dolce abbraccio nell’esplosione del suo sorriso.
E’ stato molto bello vedervi giocare a calcetto in sua memoria,anche con tanto agonismo ma mai cattiveria, e, grazie a voi, ho immaginato e quasi sentito la fisicità ma anche la leggerezza del suo gesto atletico, quando era ancora lui a giocare insieme a tutti voi.
Ricordo i suoi racconti postpartita  molto partecipi, mentre mimava le azioni migliori avvolto nell’accappatoio.
Voi, cari amici, gli riempivate la vita e gli facevate dimenticare il peggio. Così la forza che gli ammiravate nel non compatirsi era anche un riflesso della vostra amicizia.
Abbiamo mille foto, filmati, registrazioni dove rivederlo e sentirlo ridere e parlare, ma è solo nei vostri abbracci ed in quelli della Potty sua,Martina, che lo possiamo sentire ancora quasi fisicamente fra di noi .
Ed è per questa continuità infinita, che ci procurate con la vostra presenza affettuosa, che, ringraziandovi ancora una volta, oggi vi abbracciamo idealmente tutti insieme.
Grazie da Ele, Carla e PapiciuloBeppe.  

Torna ai contenuti